www.cittadinanzadigitale.eu ora è più facile essere in contatto

Ora è più facile essere in contatto! Ci trovi su www.cittadinanzadigitale.eu per parlare insieme di cittadinanza e competenze digitali.

www.cittadinanzadigitale.eu

Annunci

All’ABC Digitale si parla di #cittadinanzadigitale

“Diffondere la cultura del digitale tra le cittadine e i cittadini dai 3 ai 90 anni per apprendere, esplorare e giocare” questo è l’obiettivo dell’ABC Digitale che si terrà Bologna.

Il concetto di cittadinanza digitale sarà promosso con laboratori educativi che permettano ai cittadini di tutte le età di cogliere le opportunità offerte dalle tecnologie.

Da chi è organizzato ABC Digitale?

La manifestazione è pensata e condotta dagli operatori di Open Group, in collaborazione con Next Generation Italy, Archivio Videoludico della Cineteca di BolognaIV Production, Anastasis, Rosy Nardone, Raspibo e CoderDojo Bologna.

ABC Digitale è finanziato dalla Fondazione del Monte e ha il patrocinio del Comune di Bologna Iperbole rete Civica.

Quando

15 e 16 maggio 2015

Dove?

Urban Center di Bologna

Com’è strutturato?

L’appuntamento è articolato in due giorni. Le attività in programma il primo giorno sono laboratori per le scuole; la secondo giornata, invece, sarà aperta a tutti i cittadini e dedicata ai videogiochi (laboratori, tour di esperienze con postazioni videogame, esperimenti di robotica e di artigianato digitale). Continua a leggere

Proposta didattica Open Data #Didamatica2015

Nell’ambito dell’edizione 2015 di Didamatica è stato presentato il contributo scientifico “Open Data To Be Proactive”.

 –

In che modo la scuola forma cittadini (digitali)?

Divenendo laboratorio di cultura digitale e di innovazione, partner di istituzioni e imprese. Il tema dei data non può essere trattato in modo episodico nel percorso scolastico. Ciascun nuovo cittadino digitale deve essere consapevole del suo essere produttore (attivo e passivo) di dati, delle opportunità, anche imprenditoriali, e delle potenzialità connesse all’elaborazione degli open data (per esercitare la cittadinanza, progredire nella ricerca scientifica, operare scelte, realizzare nuove idee di impresa).

Introduzione

Grazie alla crescente disponibilità di device che consentono, senza limiti di luogo e tempo, l’accesso alla rete internet e di risorse didattiche aperte, oggi i soggetti in formazione nella scuola possono facilmente ricercare e acquisire conoscenze da fonti diverse rispetto agli insegnanti e alle istituzioni. L’apprendimento non è più limitato a specifici orari scolastici o metodi didattici e può essere personalizzato. Gli insegnanti possono agevolmente condividere e creare contenuti con colleghi e discenti di Paesi diversi. Può essere consultata una gamma molto più ampia di risorse didattiche [COM 2013/0654 final]. Questi elementi rendono necessario un cambiamento delle modalità didattiche, delle azioni per l’aggiornamento dei docenti e del ruolo stesso della scuola. Essa deve divenire, in concreto, laboratorio di cultura digitale e di innovazione, partner di istituzioni [Gramberger, 2001] e imprese, luogo di apprendimento e sperimentazione, palestra di competenze richieste dal contesto socio-culturale- economico per l’inclusione e l’occupazione.

La competenza digitale è connessa a tutte le competenze chiave [2006/962/CE] che un soggetto può agire [Ferrari et al, 2013]. Un utile strumento per cogliere, con maggiore dettaglio, questa affermazione è il Framework DIGCOMP (in esso, infatti, è evidenziata la relazione tra la competenza digitale e le otto competenze per l’apprendimento permanente, di cui la stessa è parte integrante).

Per sostenere la crescita culturale-economica-sociale, la riprogettazione dell’organizzazione scolastica, che porti al centro la cultura digitale non limitandosi all’elemento tecnico/tecnologico ma educando ad approccio nuovo ai problemi, all’economia, alla comunicazione, alla relazione, non è procrastinabile.

Continua a leggere

#OpenDataLecce Candida la tua idea al contest!

Cos’è Lecce Open Data Contest?

È un concorso promosso dal Comune di Lecce per incentivare lo sviluppo di soluzioni innovative basate sull’utilizzo di dati pubblici (open data – diffusi dal Comune attraverso il portale tematico http://dati.comune.lecce.it). Qui il bando.

SmallLogo-300x181Che tipo di idee saranno premiate?

Idee capaci di valorizzare il patrimonio informativo pubblico.

Il concorso intende ricercare e premiare le più interessanti proposte di utilizzo dei dataset OpenData del Comune di Lecce in una delle seguenti modalità:

APPS4LE: utilizzo dei dataset per sviluppare applicazioni (mobile, webapp, ect) per la città di Lecce, con particolare riguardo ai temi territorio, cultura e turismo, trasporti urbani, ambiente e urbanistica.

VIZ4LE: valorizzazione dei dataset mediante la visualizzazione grafica statica o dinamica per favorire la comprensione dell’open data da parte dei cittadini. Sono permessi anche mini-video della durata max di 5 minuti.

 Quali sono gli obiettivi del contest?
  • Incentivare la partecipazione della cittadinanza alla creazione di soluzioni.
  • Stimolare lo sviluppo di applicazioni che facilitino l’accesso al patrimonio informativo pubblico.
  • Incentivare la creazione di nuove opportunità economiche nel campo dell’innovazione tecnologica.

Chi può partecipare?

Lecce Open Data Contest è aperto ai cittadini maggiorenni, alle pubbliche amministrazioni, alle scuole, Università e alle imprese dell’Unione Europea.

Continua a leggere

Che stai organizzando per il Digital Learning Day? #DLDay

Non è necessario essere una scuola, un’organizzazione o un’azienda (e tanto meno risiedere in America) per partecipare da protagonisti il 13 marzo al Digital Learning Day. Impegnarsi per promuovere il miglioramento della scuola è interesse e compito di tutti.

In rete

Uno dei vantaggi dell’essere in rete è la possibilità di condividere idee, risorse, opportunità in una comunità che non si limita al nostro ambiente di lavoro, regione o nazione (siamo cittadini, potenzialmente, del mondo) e di poter “agire” direttamente dal divano della nostra casa.

Se veramente crediamo nell’importanza di un’educazione di qualità per formare cittadini (digitali), il primo obiettivo da raggiungere è la diffusione dell’impiego della tecnologia integrato nella pratica didattica. Non è, solo, questione di strumenti, è necessario muoversi con una visione.

Avere una visione chiara che ci animi, in questo momento storico caratterizzato dal ritmo serrato dei cambiamenti indotti dal progresso tecnologico, non è cosa certamente facile. Per questo è fondamentale ricercare occasioni di confronto che ci diano la possibilità di incontrare altri punti di vista.

Il Digital Learning Day è un’ottima occasione per:

  • socializzare e conoscere buone prassi relative all’impiego delle tecnologie nella scuola (webinarrisorse, tool, lezioni)
  • formare genitori (e tutti i cittadini) all’importanza e alle opportunità di una didattica che integri il digitale,
  • coinvolgere e sostenere la motivazione degli studenti attraverso l’organizzazione di esperienze innovative di apprendimento.

La sfida da accettare, se si vuole innovare, è partecipare in prima persona

On line è disponibile una mappa delle iniziative che si terranno nel mondo in questa giornata.

Tu che hai intenzione di organizzare?