Proposta didattica Open Data #Didamatica2015

Nell’ambito dell’edizione 2015 di Didamatica è stato presentato il contributo scientifico “Open Data To Be Proactive”.

 –

In che modo la scuola forma cittadini (digitali)?

Divenendo laboratorio di cultura digitale e di innovazione, partner di istituzioni e imprese. Il tema dei data non può essere trattato in modo episodico nel percorso scolastico. Ciascun nuovo cittadino digitale deve essere consapevole del suo essere produttore (attivo e passivo) di dati, delle opportunità, anche imprenditoriali, e delle potenzialità connesse all’elaborazione degli open data (per esercitare la cittadinanza, progredire nella ricerca scientifica, operare scelte, realizzare nuove idee di impresa).

Introduzione

Grazie alla crescente disponibilità di device che consentono, senza limiti di luogo e tempo, l’accesso alla rete internet e di risorse didattiche aperte, oggi i soggetti in formazione nella scuola possono facilmente ricercare e acquisire conoscenze da fonti diverse rispetto agli insegnanti e alle istituzioni. L’apprendimento non è più limitato a specifici orari scolastici o metodi didattici e può essere personalizzato. Gli insegnanti possono agevolmente condividere e creare contenuti con colleghi e discenti di Paesi diversi. Può essere consultata una gamma molto più ampia di risorse didattiche [COM 2013/0654 final]. Questi elementi rendono necessario un cambiamento delle modalità didattiche, delle azioni per l’aggiornamento dei docenti e del ruolo stesso della scuola. Essa deve divenire, in concreto, laboratorio di cultura digitale e di innovazione, partner di istituzioni [Gramberger, 2001] e imprese, luogo di apprendimento e sperimentazione, palestra di competenze richieste dal contesto socio-culturale- economico per l’inclusione e l’occupazione.

La competenza digitale è connessa a tutte le competenze chiave [2006/962/CE] che un soggetto può agire [Ferrari et al, 2013]. Un utile strumento per cogliere, con maggiore dettaglio, questa affermazione è il Framework DIGCOMP (in esso, infatti, è evidenziata la relazione tra la competenza digitale e le otto competenze per l’apprendimento permanente, di cui la stessa è parte integrante).

Per sostenere la crescita culturale-economica-sociale, la riprogettazione dell’organizzazione scolastica, che porti al centro la cultura digitale non limitandosi all’elemento tecnico/tecnologico ma educando ad approccio nuovo ai problemi, all’economia, alla comunicazione, alla relazione, non è procrastinabile.

Continua a leggere

Annunci

#OpenDataLecce Candida la tua idea al contest!

Cos’è Lecce Open Data Contest?

È un concorso promosso dal Comune di Lecce per incentivare lo sviluppo di soluzioni innovative basate sull’utilizzo di dati pubblici (open data – diffusi dal Comune attraverso il portale tematico http://dati.comune.lecce.it). Qui il bando.

SmallLogo-300x181Che tipo di idee saranno premiate?

Idee capaci di valorizzare il patrimonio informativo pubblico.

Il concorso intende ricercare e premiare le più interessanti proposte di utilizzo dei dataset OpenData del Comune di Lecce in una delle seguenti modalità:

APPS4LE: utilizzo dei dataset per sviluppare applicazioni (mobile, webapp, ect) per la città di Lecce, con particolare riguardo ai temi territorio, cultura e turismo, trasporti urbani, ambiente e urbanistica.

VIZ4LE: valorizzazione dei dataset mediante la visualizzazione grafica statica o dinamica per favorire la comprensione dell’open data da parte dei cittadini. Sono permessi anche mini-video della durata max di 5 minuti.

 Quali sono gli obiettivi del contest?
  • Incentivare la partecipazione della cittadinanza alla creazione di soluzioni.
  • Stimolare lo sviluppo di applicazioni che facilitino l’accesso al patrimonio informativo pubblico.
  • Incentivare la creazione di nuove opportunità economiche nel campo dell’innovazione tecnologica.

Chi può partecipare?

Lecce Open Data Contest è aperto ai cittadini maggiorenni, alle pubbliche amministrazioni, alle scuole, Università e alle imprese dell’Unione Europea.

Continua a leggere

Open Data to be Proactive #oddit15 #odp

Untitled

Cos’è “Open Data To Be Proactive, la scuola laboratorio di cultura digitale”?

È un invito rivolto ai docenti della scuola secondaria a realizzare un’esperienza di apprendimento sul tema degli open data.

È oggi disponibile una prima “pista di lavoro” migliorabile attraverso il confronto con tutti coloro che accoglieranno l’invito.

Cosa fa crescere un Paese?
La crescita di un Paese dipende dalla qualità della scuola e che la qualità della scuola dipende da quanto la scuola è in grado di formare cittadini.

II tema dei “data” nella scuola
Il tema dei “dati” non può rimanere fuori da una scuola che vuole formare cittadini digitali ed è invece auspicabile che sia integrato nel percorso scolastico. Continua a leggere

A Scuola di OpenCoesione: a che punto è il progetto? #asoc #oddit15

Le scuole che partecipano al progetto, a circa a metà percorso, stanno operando sui dati dei progetti finanziati dalle Politiche di Coesione. Attraverso la sezione BLOG SCUOLE è possibile visionare la produzione realizzata degli studenti; inoltre è  stata resa pubblica anche una sezione WEBINAR in cui sono disponibili i contenuti condivisi durante i webinar formativi di A Scuola di OpenCoesione (registrazioni e slide).

Il 21 febbraio nell’ambito degli incontri programmati in occasione dell’International Open Data Day i protagonisti di A Scuola di OpenCoesione presenteranno i loro progetti di ricerca.  Saranno presenti a Matera, Reggio Calabria, Cagliari, Montesilvano. Il Team ASOC prenderà parte all’hub event di Roma.

Per coinvolgere e sensibilizzare le istituzioni locali e la cittadinanza ai temi del monitoraggio civico, delle politiche di coesione e dei dati aperti, al termine del progetto formativo, si terrà una serie di eventi pubblici in cui verranno presentati i risultati delle indagini condotte dalle classi partecipanti all’iniziativa.

Open data tre eventi #oddit15 #SOD15

Nei prossimi giorni sono in programma tre importanti eventi sul tema dell’open data.

3ᵃ Conferenza OpenGeoData Italia

Gli interventi programmati nella Conferenza dal  titolo “Dati geografici: l’Open Data consapevole” che si terranno a Roma il 19 febbraio saranno organizzati in sessioni:

ID-10079599

Image courtesy of Stuart Miles at FreeDigitalPhotos.net

– sessione plenaria di scenario sull’Open Data consapevole,

– sessione dedicata ai dati per l’infomobilità ed ai relativi sviluppi software,

– sessione dedicata alle applicazioni,

– tavolo di lavoro convocato dall’AgID sugli Open Data geografici.

 (Brochure della Conferenza) 

International Open Data Day

L’International Open Data Day italiano verterà quest’anno su:

  • analisi dei primi problemi reali emersi nell’adozione di standard unici per i dati aperti e nella definizione di protocolli da rispettare,
  • valutazione dei vantaggi – anche economici – registrati da cittadini, associazioni, imprese e amministrazioni con la diffusione dei dati aperti.

All’evento Hub di Roma, epizone dell’International Open Data Day italiano, sono collegati eventi in altre citta italiane.

Link all’Open Data Day Italia: opendataday.it
hashtag: #oddit15

Maggiori informazioni sull’evento internazionale sono disponibili sul sito www.opendataday.org

Raduno di Spaghetti Open Data – SOD15

Il terzo raduno di Spaghetti Open Data (SOD15) si terrà a Bologna il 27, 28 e 29 marzo 2015.

Link: www.spaghettiopendata.org/page/benvenut-sod15
hashtag: #SOD15